Bite – gnatologia

Bite per il Bruxismo

Gnatologia e bite dentali o “Placche di Svincolo”

Il bruxismo è tra le più particolari patologie che possono interessare i denti e, come noto, fa la sua comparsa in particolar modo durante la fase del sonno.
Senza accorgersene, il soggetto tende a sfregare gli elementi dentari tra di loro, attraverso il digrignamento, e questo rappresenta un elemento di pericolo perché, non avvenendo in modo involontario, è più difficile da correggere se non si hanno gli strumenti giusti a disposizione.
Un bite per il bruxismo è una sorta di paradenti da applicare durante le ore notturne. I bite dentali sono creati su misura a seconda della morfologia del cavo orale del paziente.
Possono essere molli o rigidi, e sono un modo sicuro per evitare fratture e scheggiature dello smalto, poiché i denti non si trovano più a stretto contatto.

Bite sportivi

I bite per il bruxismo durante lo sport sono mascherine trasparenti in resina o altri materiali termoformati da applicare tra le arcate dentarie, servono a proteggere la dentatura dagli sfregamenti dovuti a bruxismo ed in caso di scorretto allineamento mandibolare . Il bite ostacola, cioè, il digrignamento dei denti e li protegge dall’usura a ciò collegata.

Possono essere utili anche negli sport che tendono ad affaticare le fasce muscolari nelle zone cervicali. Basti pensare al ciclismo, agli sport da combattimento, a quelli a motore e a quelli invernali, come lo sci e lo snowboard. In queste attività, come in molte altre, è importante mantenere una corretta posizione della mandibola e della mascella, per non sovraccaricare i muscoli dell’apparato masticatorio.

I bite sportivi aiutano ad evitare gli sfregamenti dell’apparato masticatorio e ad alleviare la tensione dei muscoli coinvolti nella masticazione, permettendo a chi li indossa di conservare una corretta e confortevole postura.
Vanno collocati tra le arcate dentarie e indossati per tutta l’attività sportiva, sia durante l’allenamento, sia durante le competizioni. Così facendo, questi dispositivi inducono a portare la mandibola nella giusta posizione e a mantenere la corretta postura.

Ciò si rende necessario perché in fase di allenamento, e ancora più durante le gare, la tendenza naturale è quella di serrare le mascelle, un comportamento involontario ma del tutto normale, causato dallo sforzo di concentrazione e da fattori nervosi.

L’uso di un bite sportivo è utile sia ad evitare i danni legati allo stringere la mascella, sia a fornire un supporto confortevole che possa aiutare lo sportivo ad ottenere maggiori performance.

La gnatologia

La gnatologia mira a diagnosticare i disturbi, curare e ripristinare il corretto equilibrio tra le arcate dentarie, i muscoli e l’articolazione temporo-mandibolare, definita anche “ATM”.

Un’occlusione dentale scorretta può influenzare negativamente la masticazione, la deglutizione e la postura, dando origine a disturbi articolari, tensioni muscolari, problemi dentali, mal di testa e dolori cervicali. La mancanza di denti, la loro errata disposizione e le anomalie di rapporto tra le arcate (malocclusioni dentali) possono comportare una compensazione da parte dei muscoli masticatori che si riflette sulla zona cervicale e vertebrale, provocando l’insorgere di dolore per accumulo di acido lattico nei muscoli.

Mal di schiena, mal di testa, dolori cervicali, rumori durante i movimenti della bocca o riduzione della loro escursione, labirintite, acufeni, ridotto rendimento nell’attività sportiva, possono essere ulteriori sintomi. Inoltre, alcune funzioni anomale della bocca, come il digrignamento o serramento dei denti, possono essere legate al distretto orale, ma hanno anche una forte componente emotiva. Il quadro psicomotorio che viene a delinearsi può essere inquadrato e trattato dall’odontoiatra attraverso placche di svincolo, molleggio selettivo (controllo e correzione dei contatti anomali tra i denti) o protesizzazione (nei casi più gravi).

A volte è necessario, invece, rivolgersi ad altri specialisti (osteopati, fisioterapisti, psicologici).
E’ importante esaminare l’occlusione prima e dopo aver eseguito lavori dal proprio dentista: protesi incongrue, precontatti tra i denti, errata progettazione del piano occlusale, possono avere ripercussioni sulla schiena e sull’intera postura.

Prenota la tua visita gantologica a Torino, per valutare un bite per il bruxismo.



    Ho letto e accetto l'informativa Privacy

    • Realizzato da Youtoo Digital
    • © 2020 Del Malvò Enrico. Tutti i diritti sono riservati. | Sede legale in Corso Vittorio Emanuele II, 202 – 10138 Torino (TO)
    • C.F DLMNRC86L29L219T e P.I 10666320014 | Privacy | Cookie