fbpx

Chirurgia Parodontale Estetica

La chirurgia parondontale  è la branca dell’odontoiatria che si occupa di correggere i  difetti estetici che si sono creati a livello delle gengive come possono essere la retrazione  gengivale, le zone dove manca la simmetria oppure dove ci sono delle vere e proprie lacune. Le cause principali di queste problematiche estetiche sono la parodontite, il trauma da  spazzolamento o da altre fonti, le terapie ortodontiche, le cure eseguite con poca attenzione dal  dentista nonché le estrazioni dentali e gli impianti. 

Il sistema di supporto del dente costituito da gengiva, osso e legamento parodontale che tutti  insieme sostengono il dente è chiamato parodonto, quindi i processi infiammatori che lo  colpiscono si raggruppano tutti sotto la definizione di parodontite. Questa malattia è causata  dalla presenza di batteri che vivono nel nostro cavo orale e che riescono, grazie alla placca  batterica, a raccogliersi al confine tra dente e gengiva e scatenare delle forti reazioni  infiammatorie che causano il riassorbimento del tessuti che sorreggono i denti. Ci sono diversi  fattori aggravanti come il diabete, la predisposizione genetica, il fumo di sigaretta e alcuni stati  ormonali. La presenza della placca, ovvero della sporcizia che si crea dopo aver mangiato, è però  la causa necessaria senza la quale le gengive non si ammalerebbero.  

E’ importante intercettare i sintomi dell’infiammazione come il sanguinamento o il gonfiore  affinché il danno che i batteri tentano di creare ai nostri tessuti sia reversibile, senza cioè che crei  difetti irreparabili se non con sofisticati interventi chirurgici. 

La nostra equipè odontoiatrica costituita sia da dentisti che da igienisti fornisce spesso consigli ai  pazienti su come spazzolare i denti, come usare il filo interdentale, il colluttorio e altri presidi.  Forniamo, senza sentirci nutrizionisti, alcuni consigli semplici sull’alimentazione come bere molta  acqua o evitare cibi che aumetano i livelli di infiammazione del nostro corpo. Una causa certa della recessione gengivale è lo spazzolamento traumatico dei denti, che va  assolutamente controllato. I nuovi spazzolini elettrici hanno delle testine delicate con delle setole  morbide e un rilevatore di pressione così che il paziente possa tenere sotto controllo anche  questo aspetto. Non tutte le gengive si ritirano allo stesso modo infatti alcuni pazienti hanno dei  tessuti più spessi altri più delicati, ovvero con biotipo sottile.  

In questi casi la chirurgia parodontale estetica ha duplice significato: permette sia di riportare la  gengiva in posizione se si è già manifestata un abbassamento e permette anche, in maniera  preventiva, di irrobustire e ispessire il colletto epiteliale così che sia più resistente alla  spazzolamento così che i pazienti possano lavare meglio i propri denti. 

Le terapie ortodontiche, ovvero quelle basate sull’utilizzo di un apparecchio ortodontico fisso  con brackets e fili metallici o anche quelle di ortodonzia invisibile, basate sull’utilizzo sequenziale  di mascherine trasparenti, hanno lo scopo di raddrizzare e riallineare i denti sia a fine estetici che  per migliorare la funzione masticatoria o risolvere problematiche dell’ATM, l’articolazione  temporomandibolare. Queste metodiche a volte per ottenere la giusta posizione non rispettano i  tessuti di supporto dei denti che tendono a ritirarsi. Questa situazione si manifesta soprattutto a  livello dei canini superiori e a i livello degli incisivi inferiori dove anche la presenza del frenulo del  labbro inferiore aggrava ulteriormente la situazione. L’intervento d’elezione in questi casi è  l’innesto di connettivo con prelievo del palato e rimozione delle inserzioni muscolari trazionanti  sul margine gengivale. Questo intervento ha ormai una scientificità alle spalle e gli strumentari da  microchirurgia nonché i nuovi protocolli mini invasivi lo hanno reso affrontabile da tutti i pazienti. La nostra bocca ha un grande potere di adattamento sia dal punto di vista della funzione, cioè  quando si parla dei muscoli della masticazione e dell’articolazione temporomandibolare, sia dal  punto di vista della masticazione, al dolore e al fastidio. Quando un odontoiatra esegue male una  lavorazione (una corona con un margine metallico a vista, l’inserimento poco corretto di un perno  all’interno della radice, etc..) può causare diversi problemi alla bocca sia in maniera acuta, che in  maniera cronica cioè senza che il paziente se ne accorga nell’immediato. L’abbassamento  gengivale iatrogeno fa parte di questo secondo gruppo e purtroppo nella maggior parte di casi  richiede il rifacimento delle vecchie cure e poi della correzione dell’inestetismo gengivale.  Nel nostro studio cerchiamo sempre di eseguire le terapie con attenzione, con metodiche  aggiornate e con un attenta documentazione fotografica per monitorare ogni step. Quando viene estratto un dente l’osso all’interno del quale era contenuto nonché tutte la cresta  della mandibola si ritirano per mancanza del trofismo della radice. In questi casi la chirurgia  parodontale estetica permette di compensare l’abbassamento dei tessuti e riesce a camuffare la 

mancanza del dente, migliorando lo spessore e pareggiandolo a quello delle zone vicine dove  sono ancora presenti i denti. 

La chirurgia plastica gengivale aiuta anche moltissimo quando si devono inserire degli impianti  osteointegrati sia con metodiche di carico immediato sia con metodica tradizionale. Il  miglioramento dei tessuti gengivali è utile anche quando un impianto osteointegrato è già stato  inserito da tempo e sta dando problemi estetici o infettivi come ascessi e fistole. Molti pazienti  sono a conoscenza del fatto che per inserire in un impianto dentale in sicurezza è necessaria la  presenza dell’osso della mandibola, ma tutti non sanno che è la gengiva il tessuto che protegge  gli impianti e ne aumenta la prognosi nel tempo, permettono al paziente di spazzolare il dente  finto come uno vero o opponendosi all’infiltrazione batterica. 

Gli interventi di chirurgia plastica estetica 

Queste operazioni chirurgiche, sia a fine estetico ma anche per migliorare la qualità e la resistenza  dei tessuti, consistono nello spostamento dei tessuti gengivali residui più vicino allo smalto del  dente per mascherare la radice esposta.  

Questi interventi estetici possono essere di diversi tipi:  

  1. Associati ad una ricostruzione dentale estetica che va a colmare le zone del dente che si  sono abrase o consumate soprattutto per lo spazzolamento traumatico o nei pazienti bruxisti. 2. Intervento con un solo sito di intervento, cioè dove si vuole ottenere lo spostamento  gengivale. Si esegue un incisione vicino al dente che può essere definita a busta o  trapezoidale in base alle linee di incisione per permettere lo scorrimento a protezione della  radice esposta 
  2. L’innesto gengivale è la metodica più utilizzata perchè permette i migliori risultati estetici e di  stabilità nel tempo. Consiste nel prelievo dal palato duro o dalla zona dove si trovavano i denti  del giudizio di una fetta di connettivo che viene riportata nella zona di interesse. Questo  intervento, pur essendo a due step e quindi più invasivo, è diventato un intervento rutinario in  quanto lo spessore del prelievo richiesto si è molto ridotto nel tempo, migliorando le fasi post  chirurgiche per il paziente. 
  3. Nei pazienti che non amano il bisturi e in alcune condizioni anatomiche, è possibile eseguire  l’innesto di tessuto connettivo senza fare delle incisioni sulla gengiva del sito ricevente.  Questa tecnica è chiamata tecnica tunnel ed è ormai un’ottima alternativa. 
  4. Nei siti dove le mancanze sono molto importanti e in associazione a tecnica di rigenerazione ossea guidata (GBR), è possibile utilizzare dei materiali del commercio come il mucograft che agiscono da sostituti tessutali e evitano di dover eseguire prelievi intraorali troppo invasivi  per il paziente. 

Siamo molto preparati negli interventi di chirurgia gengivale estetica e ti consigliamo di contattarci  per ricevere una consulenza senza impegno anche perchè molti nostri colleghi non affrontano  questa branca, non permettendo ai loro pazienti di avere un sorriso davvero naturale e duraturo  nel tempo.

Contattaci
  • Realizzato da Youtoo Digital
  • © 2022 Del Malvò Enrico. Tutti i diritti sono riservati. | Sede legale in Corso Vittorio Emanuele II, 202 – 10138 Torino (TO)
  • C.F DLMNRC86L29L219T e P.I 10666320014 | Privacy | Cookie