Tac cone beam

La tomografia computerizzata a fascio conico per gli esami odontoiatrici

L’utilizzo di esami radiografici da parte dell’odontoiatra è accompagnato dalla responsabilità di assicurare al paziente una seria valutazione costi/ benefici.
Il ricorso alle radiografie deve essere guidato dal principio di giustificazione e ottimizzazione (art. 3-4 del Decreto Legislativo n.187/2000), per il quale vige il principio “ALARA” (As Low As Reasonably Achievable), cioè sfruttare la minor dose di radiazioni sufficiente a fornire le informazioni necessarie ad una corretta diagnosi.
Tenendo a mente questi concetti cardine, bisogna sottolineare come gli esami radiografici rappresentino una componente essenziale della diagnosi in odontoiatria.
Le tecniche radiografiche convenzionali (su pellicola o digitali), hanno dei limiti. Questi includono la natura bidimensionale (2D) delle immagini prodotte, la presenza di strutture anatomiche sovrapposte all’area di indagine e la distorsione geometrica.
La tomografia computerizzata a fascio conico (CBCT) è in grado di superare alcune di queste limitazioni, generando immagini tridimensionali (3D) che permettono di ottenere una maggiore quantità e qualità di informazioni cliniche funzionali all’elaborazione di un piano di trattamento più preciso e mirato alle esigenze cliniche del paziente.

L’utilizzo della Tomografia computerizzata CBCT in odontoiatria, trova diversi campi di applicazione:

  • Chirurgia Orale e Implantologia
  • Endodonzia
  • Traumi facciali e/o dento-alveolari
  • Ortodonzia
  • Patologie del distretto testa-collo
  • Realizzato da Youtoo Digital
  • © 2020 Del Malvò Enrico. Tutti i diritti sono riservati. | Sede legale in Corso Vittorio Emanuele II, 202 – 10138 Torino (TO)
  • C.F DLMNRC86L29L219T e P.I 10666320014 | Privacy | Cookie