Quali sono le cause dell’alito cattivo dei bambini?

Alito-cattivo-nei-bambini

Table of Contents

Le 5 cause dell’alitosi infantili, perché una buona igiene orale può non essere sufficiente  

Ti sarà spesso capitato di accorgerti che tuo figlio, soprattutto nella più piccola età, ha  problemi di alitosi. 

Il primo pensiero – immediato – è quello della scarsa igiene della bocca, fatta in modo approssimativo. 

E se è vero che in molti casi il problema è proprio l’igiene, a volte può capitare che la causa sia legata ad altri problemi.  

Perciò, consigliamo sempre ai genitori di insegnare ai propri figli (il prima possibile) come lavare i denti dopo ogni pasto, perché si tratta di una sana un’abitudine che nel tempo eviterà loro fastidiosi problemi.

Ma concentriamoci sull’argomento di oggi, il tema dell’alitosi non legato alla scarsa igiene della bocca. 

 

Un problema che può essere causato da…

1. Disidratazione e secchezza della bocca

 

Spesso i bambini si impegnano in attività giocose o sportive che catturano tutta la loro attenzione per ore e ore. In questi lunghi pomeriggi può accadere che si dimentichino di alcune buone abitudini, , tra cui il bere acqua regolarmente

Idratarsi è importante per la nostra bocca! 

 

Una corretta salivazione aiuta ad eliminare naturalmente i batteri responsabili dei cattivi odori e a prevenire la formazione di carie.

Perciò, è molto importante che il bambino acquisisca questa sana abitudine il prima possibile… che li aiuterà anche nella loro salute in generale!

Oltre ai momenti di sport e di gioco, la disidratazione (con conseguente alitosi) può capitare la mattina, non appena il piccolo si sveglia.  

Ed ecco che un’altra buona abitudine può dargli una mano: prepara (e fagli preparare)   un bicchiere d’acqua la sera prima di coricarsi e berne uno la mattina, appena sveglio. Questo aiuta a pulire la bocca dai batteri che nella notte si depositano sulla lingua.  

 

2. Tonsille arrossate o gonfie

Come già visto in altri articoli,  l’alitosi può non dipendere direttamente dall’igiene della bocca, ma anche dalla sua salute

 

Per questo motivo, è importante Controllare periodicamente le tonsille di tuo figlio.

Il loro colore dovrebbe  essere rosa omogeneo. Se invece appaiono arrossate, gonfie o hanno dei puntini bianchi… allora possono essere causa di alitosi.

 

I batteri infatti trovano appiglio nelle scanalature delle tonsille infiammate, causando infezioni che portano anche all’alitosi (oltre che al dolore e alla febbre). 

 

Per controllare le tonsille di tuo figlio basta munirsi di una piccola torcia e controllarne il colore

 

… E se c’è davvero un’infiammazione bisogna rivolgersi ad un medico che grazie agli antibiotici aiuterà a risolvere il problema.

3. Vie nasali ostruite o infettate

Se tuo figlio accusa mal di gola o naso chiuso, allora è possibile che abbia in corso un’infezione

causata da un eccesso di fluidi nelle vie respiratorie: questi favoriscono la crescita dei batteri che… portano all’alitosi

 

Anche qui, come nel caso precedente, il problema si risolve da sé (nel momento in cui passerà il raffreddore) o tramite antibiotici consigliati dal medico

 

4. Presenza di corpi estranei nella cavità nasale

Può capitare che un bambino, specie se in tenera età,  si metta degli oggetti nel naso; oggetti abbastanza piccoli da non creare problematiche gravi e infezioni. 

 

La curiosità può fare brutti scherzi!

 

E proprio la presenza di piccoli oggetti (specie se sporchi) nel naso del nostro bambino può dare origine a dei problemi di alitosi.

Quindi se avverti cattivo odore ma non noti  nessuna possibile infezione, questa potrebbe esserne la causa

 

5. Malattie gengivali e carie

E infine… vediamo la causa più comune dell’alitosi:

 

La poca salute orale

Anche se siamo molto vigili sulla pulizia dei nostri bambini, può accadere che il lavaggio dei denti non sia eseguito correttamente e fatto superficialmente

Questo può causare, a causa  dei batteri che non vengono eliminati, infezioni anche serie – quali carie e malattie gengivali.

Queste infezioni non sono facili da individuare, soprattutto nei primi momenti della comparsa.

Per questo motivo è importante fare  attenzione anche dopo aver lavato i denti del  bambino: l’alito ha un cattivo odore?

La causa potrebbe essere proprio una di queste infezioni.

Proprio per evitare brutte sorprese,  consigliamo di effettuare delle visite di controllo periodiche anche in tenera età, come detto in questo articolo

Dormi sonni tranquilli,  

Prenota una visita di controllo per tuo figlio nel nostro studio a Torino!